tre registi il lockdown artistico e il mondo che verrà

Tre registi, il lockdown artistico e il mondo che verrà

Alessandro Ingrà, Massimo Di Stefano e Marco Frosini raccontano il prima e il dopo della loro professione

 

 

Firenze

Sembra passato tanto tempo ma sono appena passati circa 50 giorni da quando Alessandro Ingrà, attore regista e cabarettista ha fermato la pre-produzione del suo nuovo film dal titolo “Un week end al mare” una commedia thriller diretta insieme ai registi Massimo Di Stefano e Marco Frosini.

IL lockdown ha bloccato il nuovo progetto. Un lavoro, quello del cinema, che non potrà riprendere fino a quando il contagio sarà a zero, un lavoro che non è praticamente possibile fare con modalità di lavoro agile cioè in smart working.

 

I tre registi, già autori e director del film giallo/thriller “Storia di un Inganno”, girato a fine 2013 nel territorio toscano, tra Greve in Chianti, Firenze e Fiesole e uscito al cinema e in TV, raccontano il loro lavoro cristallizzato a quasi due mesi fa.

 

Eravamo nella fase dei casting, sopralluoghi, ricerca sponsor e organizzazione e di punto in bianco è arrivato questo fulmine al ciel sereno – dicono i tre registi.

Al primo casting, appena la settimana prima del grande blocco, ad ogni attore e attrice a fine provino, Alessandro diceva a tutti la solita cosa: “Inizieremo le riprese a settembre, Coronavirus permettendo!” E intanto Marco e Massimo lo prendevano un po’ in giro. Nessuno ancora poteva prevedere quanto sarebbe accaduto.

 

Il contagio zero sarà l’unica possibilità per tornare a lavorare su una produzione. In un film, ci sono scene di contatto per gli attori e sul set c’è molta gente anche in una produzione a basso costo. Con la ripresa attualmente programmata, sarà forse possibile fare sopralluoghi e casting, uno ad uno su appuntamento e con il distanziamento sociale e dispositivi di prevenzione.

 

“L’atmosfera nelle città è surreale, sembrano enormi set cinematografici abbandonati – dice Ingrà – ma il nostro settore non potrà ripartire se non quando il contagio sarà a zero. E allora le storie riprenderanno a essere raccontate, forse con una consapevolezza e una profondità ancora maggiore. Ora è il tempo della speranza e dell’attesa.

I miei nonni – continua Ingrà – mi hanno raccontato tante volte della guerra a Firenze, dell’alluvione del 1966 e mi son sempre detto che con il progresso e la tecnologia eventi così drammatici non sarebbero più accaduti e invece è successo.”

 

Ma i tre sono convinti che tutto finirà con l’estate e sognano di tornare a girare, a raccontare storie. Intanto scrivono e pensano ad altri soggetti guardando e ringraziando medici, infermieri, volontari che ogni giorno si muovono per dare una possibilità a questo paese.

“Una cosa è certa – concludono – l’Italia ce la farà e ripartirà, compreso il cinema ed il teatro”.

pressoffice Roberta Capanni

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.