Crea sito

Short Story Fiabe Horror al Videocorto di Nettuno

Short Story Fiabe Horror al Videocorto di Nettuno

 

XXII edizione del Videocorto. Tre giorni di cinema, dal 21 al 23 luglio. Quest’anno sono 12 i film in concorso e ben 5 i libri presentati alla Fraschetta Blues per il Salotto del festival. Ad organizzare il tutto Elvio Calderoni e Giulia Bartoli, splendide serate di proiezioni alla Pro Loco, in riva al mare. A condurre il salotto Lucilla Colonna, regista e giornalista. In giuria, tra gli altri, esponenti nomi del mondo del cinema e la cultura come Natascia e Romina Malizia, Enrico Salimbeni, Francesca Antonelli, Graziano Diana, Ludovico Tersigni e molti molti altri. Venerdì 21 luglio c’è stato il taglio del nastro e l’inaugurazione del Festival con l’attore Ludovico Tersigni. Nel corso del Videocorto di Carta sono stati presentati i libri di Michela Monferrini e le giornaliste scrittrici Natascia e Romina Malizia.
Due generi letterari diversi ma accomunati dalla fiaba, dal racconto su Amatrice della Monferrini alle Fiabe Horror delle sorelle Malizia.

Short Story Fiabe Horror è una breve raccolta di fiabe inedite elaborate in stile horror-splatter.
Le Principesse non aspettano più di essere salvate dal Principe Azzurro ma loro stesse si armano ed uccidono a colpi di ascia i propri antagonisti, matrigne, streghe e demoni grazie a carismi.
Alla fine di ogni fiaba è presente un monito, un messaggio, una pena simbolica inflitta al colpevole.
Il leitmotive è la sconfitta del nemico, la vittoria del bene ed il lieto fine.
Quest’anno ampio spazio alla musica, con l’esibizione del coro Insiemecanto diretto da Fabrizio Vestri la serata finale, il 23. La prossima presentazione del libro Short Story Fiabe Horror di Natascia e Romina Malizia avverrà il 5 agosto a Chieti presso il Michail Cechov Studio.

Foto Percy Blakeney

Per contattare le autrici


Print Friendly, PDF & Email
 
Close

Benvenuti nel nuovo Flash Style Magazine Vip

Benvenuti welcome nuovo Flash Style

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: