Primi giorni di Filippo Cogliandro a Banjul

Calabria vs Gambia per costruire un “ponte”

l’arrivo all’Aeroporto Internazionale di Banjul Yundum

 

 

Sono giorni straordinari quelli che sta vivendo lo chef Filippo Cogliandro.

Accolto da un’auto presidenziale all’Aeroporto Internazionale di  Banjul Yundum, lo scorso  4 novembre e accompagnato dai suoi chef Salihu Barrow e Abdou Dibbasey sta finalmente attraversando  il territorio Gambiano alla ricerca delle radici dei due ragazzi che ha incontrato 9 anni fa e dei quali si prende cura da allora formandoli e trasformandoli in due validi chef ma anche spinto da un fortissimo sogno: costruire un ponte economico, culturale e produttivo tra due territori, quello gambiano e quello della Città Metropolitana di Reggio Calabria che hanno tante cose in comune più di quanto non sembri.

Giorni immersi nella vita dei villaggi, nei giochi dei bambini che curiosi sorridono, si avvicinano e dopo qualche minuto ti prendono per mano fiduciosi. Giorni di conoscenza delle abitudini, delle tradizioni, del mangiare comune, dello stare seduti in cortile stretti dal calore familiare.

Giorni non solo di forti emozioni umane, ma anche di incontri istituzionali, di discorsi concreti, di sogni da realizzare portati in valigia. “Una sorpresa vedere al nostro arrivo in aeroporto una macchina dello Statoconfida lo chef Cogliandrosiamo stati accompagnati in una casa gambiana e lì abbiamo trascorso la prima notte immersi subito nelle atmosfere e nei suoni della natura africana.

Il primo giorno, poi è trascorso a Farato e lì abbiamo non solo incontrato, ma vissuta una giornata intera con la famiglia di Salihu avvolti nei profumi del loro cibo e del thè che immancabilmente accompagna l’intera giornata insieme alle preghiere. Non sono mancate le fotografie delle bellissime donne – continua lo chef – avvolte nei loro abiti colorati, gli splendidi visi sempre sorridenti.  Ho giocato con i bambini che felici di incontrare un volto dalla pelle chiara mi hanno accolto e subito reso partecipe dei loro giochi. Nel tragitto verso l’hotel ho potuto vedere la grande evoluzione che ha avuto il paese negli ultimi 6 anni da quando, con libere elezioni, il popolo ha scelto Adama Barrow ed è tornata la democrazia. Strade e autostrade in costruzione, case residenziali, palazzi a più piani e centri commerciali senza dimenticare le moderne e accoglienti strutture turistico ricettive situate lungo la costa oceanica dove siamo stati ospitati.

Forte è l’emozione negli occhi dello chef mentre racconta queste cose che finalmente riesce a vivere personalmente e promette ci tenerci aggiornati sugli sviluppi dei prossimi giorni.

Writer Cristina Vannuzzi e Elmar Elisabetta Marcianò

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.