La Sarcopenia, individuarla e curala

BUONGIORNO, OGGI PARLEREMO DI SARCOPENIA.

 

Consigli di Patrizia Pellegrini naturopata e di Luca Cucchi posturologo

 

 

La sarcopenia è un fenomeno graduale, il cui ritmo di avanzamento diviene sempre più incalzante con il passare degli anni.

In base a quanto riportato dalla Fondazione Internazionale Osteoporosi (IOF), nelle persone che ne soffrono, potrebbe manifestarsi con i primi lievi segnali già all’età 40 anni; secondo altre fonti, ancora prima: poco dopo i 30 anni.

La sarcopenia condiziona fortemente la qualità di vita dell’individuo: è responsabile, infatti, di debolezza muscolare, scarsa resistenza agli sforzi fisici, lentezza nei movimenti più semplici (es: camminata), capacità precaria di equilibrio (e aumentato rischio di cadute), difficoltà a svolgere le più normali attività quotidiane e bisogno di dipendere fisicamente da altri.

Secondo gli esperti, la sarcopenia sarebbe il risultato di una combinazione di fattori, tra cui cambiamenti ormonali e metabolici, carenze alimentari, processi neurodegenerativi e sedentarietà.

 

Cosa Fare

 

Come contrastare la Perdita di Massa Muscolare

Attualmente, non esiste una cura medica specifica che sia in grado di evitare la sarcopenia o arrestarne l’incedere, una volta insorta.

Il destino degli anziani colpiti da questa condizione, tuttavia, non è segnato: tramite un esercizio fisico mirato e un adeguato apporto di proteine con la dieta ed eventualmente altre strategie, infatti, è possibile contrastare la sarcopenia, frenando la caratteristica perdita di massa muscolare e alleviando la sintomatologia correlata.

Esercizio Fisico contro la Sarcopenia

L’esercizio fisico comporta un uso dei muscoli; l’uso dei muscoli è fondamentale per il mantenimento e, quando è intenso e mirato, anche per il miglioramento della massa e della forza muscolare.

Gli esperti ritengono che, per contrastare la sarcopenia, l’attività fisica debba:

Comprendere allenamenti di forza e allenamenti di resistenza;

Interessare tutti i più importanti distretti muscolari, quindi gambe, braccia, petto, spalle, schiena e addome;

   

Essere praticato almeno un paio di volte a settimana.

È doveroso segnalare che, prima di intraprendere qualsiasi programma di allenamento, l’anziano che soffre di sarcopenia dovrebbe consultare il proprio medico curante, al fine di conoscere le attività fisiche idonee al suo stato di salute generale, e affidarsi a un personal trainer o a un fisioterapista esperto in riabilitazione sportiva, così da imparare la corretta tecnica di esecuzione dei vari esercizi ed evitare spiacevoli infortuni.

Si ricorda che la sedentarietà è un fattore favorente la sarcopenia.

È inoltre risaputo che, per trarre il massimo beneficio dall’esercizio fisico, occorre alimentarsi adeguatamente sia dal punto di vista quantitativo, sia da quello qualitativo.

 

Patrizia Pellegrini Naturopata Bioterapeuta Nutrizionale

Metodo Molecolare

Alimentazione Consapevole

Giornalista Pubblicista OdG della Calabria

Ambasciatrice della Dieta Mediterranea

Per appartamento 333 999 55 32

 

LUCA CUCCHI POSTUROLO E SPECIALISTA IN BIOMECCANICA ED ESERCIZIO CORRETTIVO ISTRUTTORE FIDAL DI FITWALKING

PER INFO 338 7241046

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.