Intervista all’ostepata Andrea Bellato

Andrea Bellato

A spiegare in maniera dettagliata e precisa, la figura dell’osteopata è il dr. Andrea Bellato, noto e stimato osteopata che è riuscito, per la sua qualificata preparazione, a farsi un nome degno di fiducia in questo settore. Abbiamo raggiunto il dr. Bellato che ci ha dato utili informazioni riguardanti la sua professione.

Benvenuto Andrea, come è arrivato all’Osteopatia?

È stata una diretta conseguenza della mia passione nel voler sviscerare ogni argomento con grande curiosità, ho sempre amato risalire alla causa del problema e affrontare un caso clinico in tutte le sue sfaccettature.

Di cosa si serve l’Osteopatia per fare diagnosi?

La diagnostica osteopatica comporta tre tempi principali:
– Anamnesi che deve fornire tutte le informazioni necessarie in merito alla patologia prossima (attinente al motivo del consulto) e remota.
– Osservazione della statica e della dinamica.
– Palpazione, l’esame palpatorio permette di scoprire le turbe di mobilità. La palpazione delle parti molli è fondamentale per apprezzare modificazioni di consistenza del tessuto.

Perché l’Osteopatia viene utilizzata in pazienti neonati e bambini?

L’approccio osteopatico non si focalizza solo su un problema specifico tralasciando quello che è il contesto, bensì considera il bambino un’unica entità composta da corpo e mente, partendo dal presupposto che il benessere della sfera emozionale abbia influenza sul corpo e viceversa.
Il trattamento osteopatico può quindi rivelarsi utile per:
Problemi di nutrimento e suzione
– Sonno agitato
– Coliche e reflusso
– Problemi dentali
– Problemi respiratori
Per tutte queste problematiche il mio trattamento osteopatico, che tiene conto del rapporto tra osteopatia e bambini a Torino in nome dell’equilibrio fisiologico generale del corpo, può portare a notevoli benefici, facendo registrare notevoli e significativi miglioramenti per il neonato.

A lei si rivolgono molti personaggi noti, svolge la professione di osteopata presso uno studio?

Il mio studio principale si trova in Veneto ma sono spesso in trasferta a Milano e a Roma.

Ha dei progetti futuri di cui ha magari voglia di parlarci?

Mi piacerebbe poter aprire un centro a Milano dove poter sia svolgere la mia atttività che insegnare le varie tecniche che ho appreso negli anni.

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.