Crea sito

Il secondo appuntamento di “Percosri d’autore”. Andrea Caterini con il suo romanzo: Giordano

 

“PERCORSI d’AUTORE” a cura di Elio Pecora

Martedi 27 l’incontro con lo scrittore ANDREA CATERINI ospite della Fuis

 

“Percorsi d’Autore” – incontri, conversazioni con poeti, romanzieri, saggisti a cura di Elio Pecora, è giunto al secondo appuntamento dell’anno. Martedì 27 gennaio presso la sede della Federazione unitaria italiana scrittori (FUIS) è intervenuto lo scrittore Andrea Caterini con il romanzo Giordano (ed. Fazi).

 

Andrea Caterini GiordanoAndrea Caterini nasce a Roma nel 1981. È scrittore e critico letterario. Ha pubblicato tre romanzi, Il nuovo giorno” (Hacca, 2008), La guardia” (Italic Pequod, 2010), Giordano” (Fazi, 2014), e due libri di critica letteraria, Il principe è morto cantando” (Gaffi, 2011) ePatna. Letture dalla nave del dubbi” (Gaffi, 2013). Ha curato opere di autori italiani come Enzo Siciliano e Franco Cordelli. Cura l’area critica del semestrale di letteratura Achab” e collabora ad Alias – il manifesto”.

 

Il programma 2015 di “Percorsi d’Autore” è iniziato martedì 13 gennaio con Biancamaria Frabotta e il libro di poesia  Da mani mortali (ed. Mondatori); martedì 27 gennaio l’appuntamento è stato con Andrea Caterini; seguiranno martedì 10 febbraio 2015 Edith Bruck e il romanzo Quanta stella c’è nel cielo (ed. Garzanti) e martedì 24 febbraio 2015 Sandra Petrignani e il libro Marguerite (biografia in forma di romanzo su Marguerite Duras, ed. Neri Pozza).

 

Il tema degli incontri è non solo l’ultimo libro di ciascun autore, ma l’intero percorso artistico e culturale in cui un’opera letteraria si compie e si manifesta.

La rassegna culturale si svolge presso la sede della Fuis, in piazza Augusto Imperatore, 4 a Roma (in prossimità dell’Ara Pacis) alle ore 17.00. Ingresso libero.

Gli incontri si possono seguire  in diretta streaming sul sito www.fuis.it

 

Dal romanzo “Giordano” (ed. Fazi 2014)

“Una società può esistere solo nel momento in cui si posseggono le caratteristiche necessarie per farne parte: una famiglia, un lavoro, degli amici. […] Ora non li avevi più, ci avevi rinunciato, o avevi smesso di credere che fossero un valore, che avessero un senso. Era proprio questo che più rigettavi: credere che bastasse avere un’occupazione, uno stato civile, un dialogo con qualcuno per essere considerato parte attiva del “meccanismo mondo”. […] Per una società si è vivi, e quindi partecipi delle sue dinamiche, solo a patto di porsi in maniera transitiva. E i residui che fine avrebbero fatto: tutto ciò che il continuo transitare lascia indietro, passivo, inattivo? Forse la società dei residui non ne tiene conto – carne morta“.

 

FUIS – Piazza Augusto Imperatore, 4 – ROMA

Ufficio Stampa

Maria Rita Parroccini – giornalista

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
 
Close

Benvenuti nel nuovo Flash Style Magazine Vip

Benvenuti welcome nuovo Flash Style

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: