il bambino e la boxe

il bambino e la boxe

 

BOXE 2018, un nuovo Rinascimento per uno sport che ha avuto un enorme successo negli anni passati, oggi, dopo un periodo di appannamento, la boxe si ripresenta con una narrazione coinvolgente, un messaggio per raccontare la svolta salutista e sociale di questo sport, coinvolgendo sportivi, il mondo femminile, i bambini, gli anziani e non, i malati di Parkinson, espressa con un linguaggio immediato per sottolineare una scelta di vita sportiva, una filosofia, educazione, studio medico.

Oggi la passione del pugilato è ritornata, il pugilato, la boxe o la noble art, è uno degli sport più antichi del mondo, e riempie le palestre di tutta Italia, infatti sono sempre più numerose le persone di ogni età, impiegati, operai, disoccupati, uomini e donne e bambini, gente che indossa i guantoni per tenersi in forma. Chi viene, pieno di curiosità a vedere la boxe in una palestra, se ne innamora e non salta nemmeno una lezione, va registrato anche che lo “sport nobile” è esteso anche alle donne.

A Prato, all’Estraforum di Maliseti per la Boxe Night Prato, l’evento che ha visto in palio il Titolo Italiano, è stato preceduto da una insolita esibizione, un momento dove bambini di 8/10 anni hanno offerto agli spettatori la preparazione atletica, esercizi e dimostrazioni, un gruppo di piccoli atleti a tu per tu con l’eccellenza della boxe italiana professionistica, bambini allenati da PierPaolo Callipo e da Melissa Zotka della Pugilistica Pratese e dall’ex pugile fiorentino Dino Paladini della Palestra Best Gloves di Firenze che sfruttano la loro ultradecennale esperienza per insegnare il pugilato inteso come sport per tutti, a giovani e meno giovani.

LA BOXE NON È VIOLENZA Per capire la grande forza di attrazione del pugilato bisogna dimenticare il luogo comune che riduce questo sport ad un banale atto di violenza. L’avversario sul ring rappresenta l’obiettivo che ognuno di noi deve avere per dare un senso ai propri sacrifici.

Finito il combattimento i pugili si abbracciano e in questo gesto c’è tutto il senso della boxe, infatti l’abbraccio è il rispetto che bisogna avere per le difficoltà della vita riconoscendo in chi ti sta davanti la tua stessa umanità.

C’è un simbolismo nella boxe e negli incontri, la solitudine di chi è al centro del tappeto, gli occhi del mondo rappresentati dal pubblico, i sentimenti nell’angolo, andare alle corde, uscire, finire al tappeto, rialzarsi, reagire per superare il momento negativo….il pugilato è la vita.

Print Friendly, PDF & Email
 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.