Giuseppe Moscarella parla di Mister Italia, calendario senza veli, Top Kids Model Italy e progetti [INTERVISTA]

Giuseppe Moscarella ha parlato di Mister Italia, del calendario senza veli, di Top Kids Model Italy e dei suoi progetti futuri (tv e cinema in primis) in un’intervista esclusiva rilasciata al nostro sito FlashStyleMagazine. Il sexy e affascinante attore e modello campano nonchĂ© vincitore del concorso nazionale di bellezza maschile Mister Italia 2020 ha affrontato tante tematiche e ha rivolto un messaggio particolare ai suoi fan che lo seguono con affetto e amore sui social network.

Benvenuto Giuseppe Moscarella su FlashStyleMagazine, come stai?
Ciao e un saluto affettuoso a tutti gli amici lettori. Per fortuna adesso bene grazie. Anche a me è toccato combattere con il Covid-19 a dicembre e non è stato esattamente un periodo felicissimo. Sono stato fortunato però, è stata una forma molto lieve. Adesso ho ripreso tutte le attività a pieno regime e sono pronto sia mentalmente che fisicamente per affrontare quest’anno che sarà ricco di progetti. Spero che anche voi stiate bene.

Sei il vincitore in carica di Mister Italia. Cosa vorresti dire a tutti quei ragazzi che stanno facendo le selezioni on the web per l’edizione 2021?
L’esperienza on the web è stata fondamentale per il mio percorso poichĂ© è stato il primo approccio con il concorso ed è stata la spinta per prepararmi al meglio sotto tutti i punti di vista. Ai ragazzi posso solo consigliare di essere sĂ© stessi, di divertirsi, seguire i consigli dello staff e soprattutto di metterci del loro nelle performance e non lasciare tutto al caso. La presentazione come in tutti i campi è fondamentale.

Hai posato senza veli per il calendario 2021 di Mister Italia. Raccontaci questa tua esperienza…
L’esperienza a Maratea è stata unica sotto tanti punti di vista. Intanto abbiamo realizzato grazie a tutti i professionisti che ruotano attorno a un progetto come questo, un calendario importante in un periodo tutt’altro che semplice. Il patron Marastoni è riuscito a incastrare tutto, nei minimi dettagli e a permettere la pubblicazione cartacea su Vip. La cosa che ricordo con piĂą piacere, oltre ai rapporti umani che si sono rafforzati con i ragazzi del concorso, sono stati gli scatti all’alba. La mia sveglia è suonata molto presto, ricordo che scesi in spiaggia con tutto lo staff, eravamo soltanto noi, il mare ed il rumore della macchina fotografica. Avevamo tutti voglia di costruire qualcosa di bello da far vedere alla gente. Non avevo mai posato senza veli ma non è stato difficile, forse l’attore che è in me
mi ha aiutato… scherzi a parte, abbiamo cercato di esprimere a pieno quello che ci eravamo prefissati, raccontare con il corpo, nella sua totalità e senza essere volgari la bellezza maschile. Speriamo di esserci riusciti.

Chi sono i tuoi modelli di riferimento nell’ambito della recitazione?
Direi che ci sono dei punti di riferimento inamovibili, pilastri come sicuramente Eduardo De Filippo e Massimo Troisi, che sotto il punto di vista della formazione guardo ancora tutt’oggi. Come modelli di riferimento, mi è sempre piaciuto Marcello Mastroianni, essendo anche un po’ un eterno nostalgico guardo e cerco di rubare sempre qualcosa da lui (sempre che sia possibile). Non distaccandoci troppo dal panorama attuale, invece in Italia apprezzo molto Raoul Bova. Il mio idolo resta però Sylvester Stallone, sono legato emotivamente e profondamente ad ogni suo film.

Agli inizi di gennaio 2021 sei entrato a far parte della giuria del format Top Kids Model
Italy 2021. Ti piace questo nuovo ruolo? Che cosa ne pensi di questo concorso per talenti
under 16?
L’esperienza con Top Kids Model Italy mi ha da subito entusiasmato, ricordo ancora quando mi fu proposto, e colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente sia Domenico Giampetruzzi che Miky Falcicchio, ideatore e conduttore del format. A mio avviso si tratta di qualcosa di innovativo, che non esiste ancora nel nostro Paese, quindi possiamo dire il primo format in cui i ragazzi al di sotto dei 16 anni possono non solo vivere un’esperienza divertendosi ma possono soprattutto capire se attraverso questo “gioco” la loro strada sia realmente la recitazione, il canto, la danza. Inoltre offre una visibilitĂ  che potrebbe catapultare questi piccoli talenti in uno di questi mondi, ed io fin adesso ho giĂ  visto qualcuno che ha tutte le carte in regola. In giuria con me poi non potevo desiderare di meglio, ci sono tanti professionisti in tutti i campi, da Marina Marchione attrice ed autrice a Domenico Giampetruzzi giornalista e addetto stampa, da star della dance music come Nathalie Aarts e Kim Lukas all’attore e comico Fabrizio Campagna. A naso dico che sentirete parlare molto di Top Kids nei prossimi anni.

Quale messaggio vorresti inviare ai tuoi fan?
Di stare sereni e restare attaccati alle cose che li fanno stare bene in questo periodo difficile, che sia la famiglia, il lavoro o i propri affetti. Speriamo di poterci riabbracciare presto. Vi voglio bene.

Print Friendly, PDF & Email